Canada: è l’aborto la priorità per la politica estera

La conferenza dei vescovi canadesi ha denunciato un discorso del Ministro degli esteri della nazione come “erroneo, confuso e errato” perché suggerisce che i diritti sessuali riproduttivi sono diventati una pietra angolare della politica estera della nazione. Mons. Douglas Crosby di Hamilton, presidente della Conferenza canadese dei vescovi cattolici, ha espresso “una profonda preoccupazione” in […]

La conferenza dei vescovi canadesi ha denunciato un discorso del Ministro degli esteri della nazione come “erroneo, confuso e errato” perché suggerisce che i diritti sessuali riproduttivi sono diventati una pietra angolare della politica estera della nazione. Mons. Douglas Crosby di Hamilton, presidente della Conferenza canadese dei vescovi cattolici, ha espresso “una profonda preoccupazione” in […]

La conferenza dei vescovi canadesi ha denunciato un discorso del Ministro degli esteri della nazione come “erroneo, confuso e errato” perché suggerisce che i diritti sessuali riproduttivi sono diventati una pietra angolare della politica estera della nazione.

Mons. Douglas Crosby di Hamilton, presidente della Conferenza canadese dei vescovi cattolici, ha espresso “una profonda preoccupazione” in una lettera del 29 giugno al Ministro degli Esteri Chrystia Freeland per il suo discorso fatto alla Camera dei Comuni il 6 giugno.

Ha criticato Freeland per aver equiparato i diritti delle donne con un diritto all’aborto e ai diritti sessuali riproduttivi e affermando questi diritti “sono al centro della politica estera canadese”.

I vescovi inoltre hanno criticato il Primo Ministro Justin Trudeau per aver destinato 650 milioni di dollari per sostenere i finanziamenti all’aborto all’estero, quando solo 119,25 milioni di dollari sono stati promessi per aiutare 20 milioni di persone a rischio di fame nel Sud Sudan, nello Yemen, nella Nigeria orientale e in Somalia.

“Mentre i Vescovi cattolici del Canada condividono la vostra preoccupazione per promuovere il rispetto e la dignità delle donne – un tema a cui la Conferenza canadese dei vescovi e cattolici cattolici dà grande importanza – sentiamo la necessità di sottolineare, con tutto il rispetto che le vostre dichiarazioni sono ua erronee, confuse ed errate “.

Crosby ha notato che molte importanti questioni femminili vengono “passate sotto silenzio”.

“Includono le partnership economiche del Canada con paesi in cui i figli femmine vengono uccisi per non essere maschi; quelli in cui le donne guadagnano meno di uomini per lo stesso lavoro o dove non godono degli stessi privilegi previsti dalla legge, compreso il diritto all’istruzione o alla protezione contro la violenza, la violenza fisica e altre forme di abuso.

“In questi momenti incerti, quando la voce dei dirigenti del Canada si occupa di tutto, dal cambiamento climatico alla pace globale, non si può permettere all’ideologia politica di dettare la politica estera e di ignorare il buon senso e le nostre responsabilità umanitarie a coloro che hanno bisogno”, ha scritto.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com