Distribuzione farmaci abortivi a scuola? In Kenya dicono no grazie

I genitori in Kenya sono indignati dopo aver scoperto che Marie Stopes International ha visitato una scuola e ha dato alle ragazze giovani e minori, informazioni per controllo delle nascite a lungo termine senza il loro permesso. All’inizio del mese di Ottobre, i rappresentanti dell’organizzazione pro-aborto Marie Stops hanno visitato la scuola secondaria Mang’elu, una […]

I genitori in Kenya sono indignati dopo aver scoperto che Marie Stopes International ha visitato una scuola e ha dato alle ragazze giovani e minori, informazioni per controllo delle nascite a lungo termine senza il loro permesso. All’inizio del mese di Ottobre, i rappresentanti dell’organizzazione pro-aborto Marie Stops hanno visitato la scuola secondaria Mang’elu, una […]

I genitori in Kenya sono indignati dopo aver scoperto che Marie Stopes International ha visitato una scuola e ha dato alle ragazze giovani e minori, informazioni per controllo delle nascite a lungo termine senza il loro permesso. All’inizio del mese di Ottobre, i rappresentanti dell’organizzazione pro-aborto Marie Stops hanno visitato la scuola secondaria Mang’elu, una scuola cattolica di Kitui in Kenya, in occasione della Giornata Internazionale del Bambino della Ragazza. I genitori e gli amministratori dicono di essere stato informato che gli agenti di Marie Stopes erano lì ma solo per parlare con gli studenti sulla consapevolezza della salute, non certo degli aborti.

Secondo Harriet Owire, che ha guidato la squadra di Marie Stopes, le ragazze hanno ricevuto una conferenza sulla salute riproduttiva e poi le singole ragazze hanno ricevuto una consulenza desiderata sugli aborti. I responsabili di Marie StopesNon si sono rifiutati di discutere la questione se avessero promosso l’uso di pillole come il Norplant, un dispositivo di controllo delle nascite impiantato che dura fino a cinque anni. Alcuni genitori hanno chiesto l’arresto per gli attivisti Marie Stopes.

“Siamo sconvolti che questo è sia stato permesso e sia accaduto”, ha detto Munanie Muusya, alla cui figlia è stato dato il Norplant. “Quello che hanno fatto queste persone incoraggerà le nostre ragazze a impegnarsi senza sforzo in un sesso non protetto e così potranno contrarre le malattie sessualmente trasmissibili”.

Il segretario diocesano cattolico Kitui Julius Muthamba lo ha definito “scandaloso e criminale” il comportamento dei responsabili di Marie Stopes e ha chiesto provvedimenti alla polizia. “Il forte sostegno cattolico contro i contraccettivi è ampiamente conosciuto”.

Il dirigente della scuola ha detto che non era stato informato in anticipo della iniziativa : “Ovviamente nessuno autorizzerebbe una cosa simile in una scuola. Sono venuti con gli operatori sanitari della comunità e ci siamo fidati, ma stiamo cercando di stabilire ciò che è accaduto durante la riunione”, ha detto. Il senatore di Kitui Enoch Wambua ha anche espresso rabbia sull’incidente.

“Questa è una cosa grave. Esporre i bambini al trattamento contraccettivo di qualsiasi natura senza il consenso dei loro genitori è inaccettabile “, ha detto. “Pensavo che il governo avesse bandito visite scolastiche nelle scuole nel periodo degli esami, ai genitori non è permesso di visitare i loro figli nelle scuole di questo periodo, ma gli stranieri sono ammessi in una scuola per somministrare contraccettivi sui minori! ”

Organizzazioni multiple stanno spingendo la pianificazione familiare in Africa, paesi come Francia e Canada stanno facendo ingenti investimenti per diffondere l’aborto nel continente africano. Questo è solo l’ultimo in alcuni scandali per Marie Stopes.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com