India, un Natale da perseguitati

Secondo un report di International Christian Concern, gruppo che si occupa della libertà religiosa dei cristiani e delle persecuzioni, i cristiani indiani hanno sofferto almeno 23 attacchi motivati ​​religiosamente durante il periodo natalizio. L’International Christian Concern, con sede a Washington, ha detto che gli incidenti hanno scatenato la paura di massa e lasciato molti credenti […]

Secondo un report di International Christian Concern, gruppo che si occupa della libertà religiosa dei cristiani e delle persecuzioni, i cristiani indiani hanno sofferto almeno 23 attacchi motivati ​​religiosamente durante il periodo natalizio. L’International Christian Concern, con sede a Washington, ha detto che gli incidenti hanno scatenato la paura di massa e lasciato molti credenti […]

Secondo un report di International Christian Concern, gruppo che si occupa della libertà religiosa dei cristiani e delle persecuzioni, i cristiani indiani hanno sofferto almeno 23 attacchi motivati ​​religiosamente durante il periodo natalizio.

L’International Christian Concern, con sede a Washington, ha detto che gli incidenti hanno scatenato la paura di massa e lasciato molti credenti in ospedale o imprigionati.

Un pastore indiano, Prabhu Kumar, ha detto “mai nella mia memoria abbiamo sperimentato il tipo di odio che stiamo vivendo ora”.

Un particolare attacco ha visto 20 nazionalisti indù insieme a funzionari di polizia assaltare una celebrazione natalizia nel Rajasthan, nel nord ovest dell’India. Nonostante abbiano ricevuto il permesso per l’evento, gli aggressori hanno picchiato membri della congregazione e distrutto la chiesa cristiana.

Un altro incidente ha coinvolto 30 cantanti di canzoni natalizie cristiane che sono stati attaccati e hanno subito l’incendio della propria auto fuori da una stazione di polizia nello stato del Madhya Pradesh, nell’India centrale.

A seguito dell’attacco, il presidente della Conferenza episcopale indiana, il cardinale Baselios Cleemis, ha dichiarato il 20 dicembre: “La fiducia dei cristiani indiani nel governo è diventata instabile a seguito di un aumento degli attacchi ai cristiani e ai membri del clero”.

William Stark, Direttore Regionale dell’ICC, ha dichiarato: “La persecuzione vissuta dai cristiani nel periodo natalizio dimostra l’evidente disprezzo che la comunità indù radicale ha per la propria costituzione che garantisce la libertà di religione.

“Gli estremisti indù sono diventati più audaci negli ultimi mesi, questa è stata una delle stagioni natalizie più violente della storia recente per i cristiani dell’India “.

 

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com