Iran, è persecuzione anticristiana

Due cristiani iraniani sono stati condannati a un totale di otto anni di carcere dopo essere stati condannati per crimini legati alla sicurezza nazionale il mese scorso. Secondo il quotidiano pakistano Christian Post, Eskandar Rezaei e Soroush Saraei sono stati condannati a sette anni di reclusione ciascuno per “azione contro la sicurezza nazionale” e un […]

Due cristiani iraniani sono stati condannati a un totale di otto anni di carcere dopo essere stati condannati per crimini legati alla sicurezza nazionale il mese scorso. Secondo il quotidiano pakistano Christian Post, Eskandar Rezaei e Soroush Saraei sono stati condannati a sette anni di reclusione ciascuno per “azione contro la sicurezza nazionale” e un […]

Due cristiani iraniani sono stati condannati a un totale di otto anni di carcere dopo essere stati condannati per crimini legati alla sicurezza nazionale il mese scorso.

Secondo il quotidiano pakistano Christian Post, Eskandar Rezaei e Soroush Saraei sono stati condannati a sette anni di reclusione ciascuno per “azione contro la sicurezza nazionale” e un anno aggiuntivo per proselitismo e organizzare riunioni di casa.

 

Saraie e Rezaie, entrambi membri della denominazione Church of Iran, stanno appellandosi al verdetto che è stato emesso il 18 dicembre 2017 dalla Quarta Sezione del Tribunale Rivoluzionario di Shiraz.

Durante la stessa udienza, il tribunale ha condannato una donna cristiana di nome Zahra Norouzi Kashkouli a un anno di prigione per “essere un membro di un gruppo che lavora contro il sistema”. Kashkouli sta anche facendo appello alla sentenza, secondo Christian Solidarity Worldwide (CSW).

I due cristiani sono stati entrambi rilasciati dalla prigione di Adelabad nel novembre 2015, ma sono stati nuovamente arrestati e incarcerati di nuovo nel 2017.

Pochi mesi dopo, Saraie e Rezaie sono stati rilasciati su cauzione dopo aver effettuato pagamenti di US $ 95.000 e US $ 140.000, rispettivamente.

Un altro esempio del trattamento ingiusto dei cristiani iraniani, che vengono criminalizzati a causa della loro fede.

“Chiediamo che queste convinzioni siano rovesciate e che il governo iraniano ponga fine alle sue vessazioni nei confronti delle minoranze religiose e sollecitiamo l’UE, il Regno Unito e gli Stati Uniti a garantire che i miglioramenti nella libertà di religione o di credo e in altri diritti umani siano una priorità parte di ogni dialogo con il governo iraniano “, ha aggiunto il Christian Solidarity Worldwide

 

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com