Irlanda, l’Arcivescovo Martin: “Mobilitatevi per la vita”

Il Primate cattolico di tutta l’Irlanda, l’arcivescovo Eamon Martin, ha esortato i membri della Chiesa a diventare “missionari per la causa della vita” in vita del prossimo appuntamento referendario nel quale si chiederà di abolire l’Emendamento 8 della Costituzione che protegge la vita umana sin dal concepimento. In un messaggio pastorale per il 2018 pubblicato […]

Il Primate cattolico di tutta l’Irlanda, l’arcivescovo Eamon Martin, ha esortato i membri della Chiesa a diventare “missionari per la causa della vita” in vita del prossimo appuntamento referendario nel quale si chiederà di abolire l’Emendamento 8 della Costituzione che protegge la vita umana sin dal concepimento. In un messaggio pastorale per il 2018 pubblicato […]

Il Primate cattolico di tutta l’Irlanda, l’arcivescovo Eamon Martin, ha esortato i membri della Chiesa a diventare “missionari per la causa della vita” in vita del prossimo appuntamento referendario nel quale si chiederà di abolire l’Emendamento 8 della Costituzione che protegge la vita umana sin dal concepimento.

In un messaggio pastorale per il 2018 pubblicato sabato 6 Gennaio, l’arcivescovo ha detto che i cattolici dovrebbero ignorare le “forti pressioni per rimanere in silenzio” e parlare ai loro parenti, amici, colleghi e rappresentanti pubblici sull’importanza di “coltivare il prezioso dono della vita dal concepimento alla morte naturale “.

Un referendum sull’opportunità di mantenere o abrogare l’ottavo emendamento, che proibisce l’aborto, è previsto per l’estate.

La commissione del Parlamento (Oireachtas) che ha esaminato l’emendamento ha completato i suoi lavori a dicembre e le sue raccomandazioni sono state trasmesse ai parlamentari, aprendo la strada al voto referendario.

Il comitato di ‘esperti’, accusati apertamente di essere sin dall’inizio del proprio mandato favorevoli alla liberalizzazione dell’aborto, ha raccomandato che l’emendamento sia rimosso dalla Costituzione e che l’aborto debba essere disponibile senza restrizioni fino a 12 settimane di gravidanza.

Ora la posizione chiara, forte ed esplicita della Chiesa Cattolica e l’invito ai fedeli cattolici alla mobilitazione attiva e quotidiana, potrebbe ribaltare i sondaggi che vedono in vantaggio gli abortisti.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com