La droga è una epidemia nazionale: la denuncia di Trump

Il presidente Donald Trump ha gettato tutto il peso della Casa Bianca dietro la lotta contro la crisi oppiacea e l’ha dichiarata un’emergenza nazionale. “La crisi dell’opioide è un’emergenza e lo sto dicendo ufficialmente, adesso è un’emergenza”, ha detto Trump al suo Golf club a Bedminster, New Jersey, lo scorso 9 Agosto. “È un’emergenza nazionale, […]

Il presidente Donald Trump ha gettato tutto il peso della Casa Bianca dietro la lotta contro la crisi oppiacea e l’ha dichiarata un’emergenza nazionale. “La crisi dell’opioide è un’emergenza e lo sto dicendo ufficialmente, adesso è un’emergenza”, ha detto Trump al suo Golf club a Bedminster, New Jersey, lo scorso 9 Agosto. “È un’emergenza nazionale, […]

Il presidente Donald Trump ha gettato tutto il peso della Casa Bianca dietro la lotta contro la crisi oppiacea e l’ha dichiarata un’emergenza nazionale.

“La crisi dell’opioide è un’emergenza e lo sto dicendo ufficialmente, adesso è un’emergenza”, ha detto Trump al suo Golf club a Bedminster, New Jersey, lo scorso 9 Agosto. “È un’emergenza nazionale, ci spenderemo molto tempo, un sacco di sforzi e un sacco di soldi sulla crisi oppiacea”.

L’annuncio di sorpresa di Trump è arrivato due giorni dopo la sua 400-051 promessa di vincere l’epidemia dell’oppio negli Stati Uniti.

“Non c’è mai stato niente di simile a quello che è successo a questo paese negli ultimi quattro o cinque anni e devo dire tutto in tutta sincerità che questo è un problema mondiale, non solo un problema degli Stati Uniti”.

Gli esperti hanno affermato che la dichiarazione nazionale di emergenza consentirà al ramo esecutivo di dirigere fondi verso l’espansione delle strutture di trattamento e di fornire agli agenti di polizia il naloxone come rimedio antidoping.

E mentre la dichiarazione potrebbe esercitare maggiori pressioni sul Congresso per fornire finanziamenti aggiuntivi, la professoressa Juliet Sorensen della School of Law di Pritzker University di Northwestern ha detto alla NBC News che spera nel sostegno bipartisan alle misure che Trump prenderà per sconfiggere l’epidemia.

Chris Christie, Presidente della Commissione Presidenziale sugli opioidi, ha ringraziato Trump “per aver accettato questa prima raccomandazione del nostro rapporto intermedio del 31 luglio”.

“Non vediamo l’ora di proseguire gli sforzi della Commissione e di lavorare con questo Presidente per affrontare le circa 142 morti al giorno dovute ai sovradosaggi di droga negli Stati Uniti”.

In Ohio, che è stato devastato dal problema opioidale, l’avvocato generale Mike DeWine ha applaudito alla dichiarazione di Trump dicendo “le risorse aggiuntive del governo federale aiuteranno gli Stati fortemente colpiti come l’Ohio”.

DeWine ha presentato una querela contro cinque dei più grandi produttori di droga, accusandoli di inondare l’Ohio con antidolorifici prescritti, così creando una “popolazione di pazienti dipendente fisicamente e psicologicamente da loro”.

“E quando questi pazienti non possono più permettersi o ottenere legittimamente gli oppiacei, spesso si rivolgono alla strada per acquistare oppiacei di prescrizione o addirittura l’eroina”, ha affermato.
Il Procuratore generale Jeff Sessions, ha proposto di trattare E05-001 l’epidemia come fece nella guerra alla droga del 1980 il Presidente Ronald Reagan, “dobbiamo dire, come ha detto Nancy Reagan,’ basta dire di no’ “, ha ribatito Session nel marzo scorso.

Quasi 35.000 persone in tutta l’America sono morte per overdose di eroina o oppiacei nel 2015, secondo l’Istituto Nazionale per l’abuso di droga. Ma un nuovo studio della University of Virginia rilasciato ad inizio agosto ha messo in evidenza che i tassi di mortalità erano 24 per cento più alti per gli oppiacei e 22 per cento più elevati per l’eroina di quanto precedentemente riportato

La Commissione presieduta da Christie ha pubblicato una relazione preliminare a fine luglio che descrive il numero di morti di overdose come “l’11 settembre ogni tre settimane” e aveva sollecitato il Presidente a “dichiarare immediatamente un’emergenza nazionale sotto la legge del servizio sanitario pubblico”, in particolare di combattere l’epidemia provocata dall’abuso di oppiacei.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com