La Turchia restituisce chiese e proprietà agli Ortodossi Siriaci

I cristiani ortodossi siriaci hanno accolto il ritorno del governo turco di 55 titoli di proprietà, che rappresentano quasi la metà delle loro antiche proprietà ecclesiastiche nel sud-est della Turchia, che erano stati confiscati dallo stato negli ultimi anni. Il 22 maggio, cinquanta delle proprietà immobiliari ufficiali sono state consegnate al Monastero di Mor Gabriel […]

I cristiani ortodossi siriaci hanno accolto il ritorno del governo turco di 55 titoli di proprietà, che rappresentano quasi la metà delle loro antiche proprietà ecclesiastiche nel sud-est della Turchia, che erano stati confiscati dallo stato negli ultimi anni. Il 22 maggio, cinquanta delle proprietà immobiliari ufficiali sono state consegnate al Monastero di Mor Gabriel […]

I cristiani ortodossi siriaci hanno accolto il ritorno del governo turco di 55 titoli di proprietà, che rappresentano quasi la metà delle loro antiche proprietà ecclesiastiche nel sud-est della Turchia, che erano stati confiscati dallo stato negli ultimi anni.

Il 22 maggio, cinquanta delle proprietà immobiliari ufficiali sono state consegnate al Monastero di Mor Gabriel del IV secolo dei Siriaci vicino a Midyat, nella provincia di Mardin. I documenti sono stati ricevuti di persona dall’arcivescovo Timotheos Samuel Aktaş, metropolita siriaco ortodosso di Tur Abdin e Kuryakos Ergün, presidente della Fondazione Mor Gabriel. Altri cinque titoli di proprietà sono stati restituiti ad un’altra fondazione cristiana siriaca a Mardin.

Le nuove misure modificate firmate in legge dal presidente turco Recep Tayyip Erdoğan hanno autorizzato il ritorno di queste storiche proprietà siriache, molti delle quali da prima dell’epoca ottomana, ai loro proprietari originali.

“Queste azioni e decisioni di restituire le proprietà hanno creato una grande gioia qui tra i cristiani siriaci di Mardin e quelli che vivono all’estero”.

“Questa è la prima volta che i nostri atti di proprietà sono stati restituiti”, il Presidente della Fondazione Mor Gabriel Kuryakos Ergün ha dichiarato al quotidiano Cumhuriyet il 27 maggio scorso, osservando che i nuovi emendamenti giudiziari hanno ridotto considerevolmente i problemi di proprietà della comunità siriaca sud-orientale della Turchia.

“Allo stesso tempo, ciò significa anche il ritorno dei nostri diritti di minoranze, come sancito dal trattato di Losanna”, ha sottolineato Ergün.

Ma anche se ha dichiarato che il cambiamento legale è “di grande significato per noi”, ha anche chiarito all’agenzia di stampa Doğan che: “…abbiamo ancora una disputa legale sulla proprietà delle terre appartenenti alla comunità”. Il recupero di vari monasteri siriaci, chiese del villaggio e i cimiteri, insieme a circa 70 vigneti, giardini e terreni ad essi collegati, sono ancora pendenti nei tribunali locali. Tutti confidano che questa decisione del Parlamento turco, confermata dal Presidente Erdogan sia sono un passo iniziale nella giusta direzione.

 

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com