Le bugie sulla sovrappopolazione

Nel 1798, Thomas Malthus scrisse “Un saggio sul principio della popolazione”. Egli prevedeva che il natalità dell’umanità superasse la nostra capacità di coltivare e produrre cibo e avrebbe portato alla morte per fame intere masse di popolazione. In un brillante articolo, tanto semplice quanto profondo e intelligente, il Professor Walter E.Williams della George Manson University, […]

overpopulation2

Nel 1798, Thomas Malthus scrisse “Un saggio sul principio della popolazione”. Egli prevedeva che il natalità dell’umanità superasse la nostra capacità di coltivare e produrre cibo e avrebbe portato alla morte per fame intere masse di popolazione. In un brillante articolo, tanto semplice quanto profondo e intelligente, il Professor Walter E.Williams della George Manson University, […]

Nel 1798, Thomas Malthus scrisse “Un saggio sul principio della popolazione”. Egli prevedeva che il natalità dell’umanità superasse la nostra capacità di coltivare e produrre cibo e avrebbe portato alla morte per fame intere masse di popolazione.

In un brillante articolo, tanto semplice quanto profondo e intelligente, il Professor Walter E.Williams della George Manson University, pubblicato sul Daily Signal dello scorso 31 maggio, ha messo in chiaro non solo le falsità del concetto e delle politiche sulla ‘sovrappopolazione’, ma anche delineato le vere politiche per lo sviluppo e contro la povertà. Ne riportiamo i brani salienti.

Le previsioni sbagliate di Malthus non hanno impedito al professor Paulford Ehrlich dell’Università di Stanford di fare una simile previsione.

Nel suo best seller del 1968, “The Population Bomb”, che ha venduto più di 2 milioni di copie, Ehrlich ha avvertito: “La battaglia per alimentare tutta l’umanità è finita. Negli anni ’70 e ’80 centinaia di milioni di persone moriranno di fame, a dispetto di tutti i programmi di lotta alla fame intrapresi”.

Questa truffa ha portato a spendere miliardi di dollari per combattere la sovrappopolazione.
Secondo l’idea comune, la sovrappopolazione umana si verificherebbe quando l’impronta ecologica di una popolazione umana in una determinata posizione geografica supera la capacità di vita del luogo occupato da quel gruppo.

“Diamo un’occhiata ad un aspetto di questa descrizione – vale a dire, la densità della popolazione.
Vediamo se noi stessi conosciamo quali è il paese più ricco e che è più povero solo conoscendo la densità di popolazione di due paesi. La densità di popolazione della Corea del Nord è di 518 persone per miglio quadrato, mentre la Corea del Sud è più che raddoppiata a 1.261 persone per miglio quadrato. La densità di popolazione di Hong Kong è 16.444, mentre la Somalia è 36. Il Congo ha 75 persone per miglio quadrato, mentre Singapore ha 18.513. Guardando ai prodotti lordi di questi paesi, bisognerebbe pensare che una densità di popolazione minore porterebbe a maggiori ricchezze”.

Ecco alcuni dati sul prodotto interno lordo espressi in milioni di dollari USA: Corea del Nord ($ 17.396), Corea del Sud ($ 1.411.246), Hong Kong ($ 320.668), Somalia ($ 5.707), Congo ($ 41.615) e Singapore ($ 296.967).
La truffa della sovrappopolazione ha portato ad orribili programmi di controllo della popolazione. Il Fondo delle Nazioni Unite per la Popolazione ha aiutato le amministrazioni a negare alle donne il diritto di scegliere il numero e il tempo tra la nascita dei figli.”

Le preoccupazioni di sovrappopolazione hanno portato la Cina ad adottare una brutale politica dell’unico bambino. La sterilizzazione forzata è un metodo di controllo della popolazione in alcuni paesi. Quasi un quarto di milioni di donne peruviane sono state sterilizzate.

Il nostro governo, attraverso il Fondo Popolazione delle Nazioni Unite, era coinvolto in programmi di “moderazione della popolazione” in tutto il mondo, inclusi India, Bangladesh, Pakistan, Nigeria, Messico, Indonesia, Brasile, Filippine, Tailandia, Egitto, Turchia, Etiopia e Colombia .

La crescita della conoscenza umana, l’ingegnosità umana, la specializzazione del lavoro e il commercio hanno portato all’industrializzazione, che, unitamente alla libertà personale e ai diritti di proprietà privata, hanno reso possibile lo sviluppo.

Gli esseri umani sono risorse preziose, e più ne abbiamo meglio è e migliori innovazioni, sviluppi, idee possono creare a loro volta nuove prospettive di crescita.

La più grande minaccia per la prosperità dell’umanità è il governo,lo statalismo, il neo centralismo globale, non la crescita della popolazione.

Ad esempio, lo Zimbabwe era ricco di agricoltori, ma, con interferenze governative, è stato ridotto all’orlo della fame di massa.

Le caratteristiche più comuni dei paesi non poveri sono la maggiore libertà personale, i diritti di proprietà privati, la libertà di educazione, le politiche famigliari, lo stato di diritto e un sistema economico più vicino al capitalismo che al comunismo.

Questa è la ricetta per la prosperità, non certo le politiche anti natalità.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com