Tra luci e ombre, una certezza: il matrimonio fa bene. Parola di The Economist

Nei giorni scorsi ‘The Economist’ ha dedicato un ampio spazio, uno SpecialReport, ad una riflessione sul matrimonio e la sua evoluzione negli ultimi decenni. Nulla di scontato, luci ed ombre e cambiamenti che appaiono quasi irrefrenabili. Rimane una certezza, gli studi scientifici sul matrimonio e la famiglia dimostrano che i coniugi sono generalmente più felici, […]

Nei giorni scorsi ‘The Economist’ ha dedicato un ampio spazio, uno SpecialReport, ad una riflessione sul matrimonio e la sua evoluzione negli ultimi decenni. Nulla di scontato, luci ed ombre e cambiamenti che appaiono quasi irrefrenabili. Rimane una certezza, gli studi scientifici sul matrimonio e la famiglia dimostrano che i coniugi sono generalmente più felici, […]

Nei giorni scorsi ‘The Economist’ ha dedicato un ampio spazio, uno SpecialReport, ad una riflessione sul matrimonio e la sua evoluzione negli ultimi decenni. Nulla di scontato, luci ed ombre e cambiamenti che appaiono quasi irrefrenabili. Rimane una certezza, gli studi scientifici sul matrimonio e la famiglia dimostrano che i coniugi sono generalmente più felici, sani e hanno più successo.

Qui una ampia sintesi dell’articolo apparso:

Per centinaia di anni il matrimonio è stato un passo essenziale sulla strada verso la piena età adulta nei paesi occidentali. Nell’Inghilterra preindustriale i predicatori sostenevano che il matrimonio era il legame cruciale che teneva insieme la famiglia, che era, a sua volta, il fondamento della società.
Sino alla metà del 20 ° secolo il matrimonio era quasi inevitabile. Le persone si sono legate in età sempre più giovani: negli anni ’50 e ’60 la sposa media americana era troppo giovane per consumare alcolici durante il suo matrimonio. L’Europa era quasi impazzita d’amore per il matrimonio, sino al 1972, l’87% delle donne francesi di età compresa tra i 30 ei 34 anni era sposata.
In questi giorni solo il 43% delle donne francesi che hanno meno di 30 anni sono sposate. Questo fa parte di un ampio riflusso o repulsione che stiamo vivendo verso il matrimonio. In Argentina i matrimoni sono diventati così rari che una marca di abiti, Falsa Boda, ha iniziato a organizzare feste a tema nuziale, complete di falsi voti.

E in molti paesi il matrimonio è diventato privo di parentela. Nel 2015 i due quinti di tutti i bambini americani sono nati da madri non sposate. In Francia la proporzione è del 59%; in Colombia è dell’84%. Solo il 21% dei cittadini britannici di età compresa tra i 15 e i 24 ora concorda sul fatto che le persone che vogliono figli dovrebbero sposarsi, la metà di quanti fossero solo 20 anni fa, nel 1989.

L’Occidente sembra impostato su un percorso diverso dal resto del mondo, in particolare dall’Asia, dove persistono gli atteggiamenti tradizionali. Nella Cina rurale un uomo di soli vent’anni è considerato patetico e forse persino pericoloso se non si è ancora sposato. In Giappone solo il 2% delle nascite sono di donne non sposate; in India e in gran parte del Nord Africa e del Medio Oriente la quota potrebbe essere ancora più bassa. In molti paesi poveri e a medio reddito la legge continua a non riconoscere le coppie non sposate e tratta la loro prole come cittadini virtuali.

Da Londra ovest a villaggi cinesi alle baraccopoli indiane, tre grandi cambiamenti sono in corso.
Il primo è che le decisioni sul matrimonio vengono strappate dalle mani di genitori e parenti e sono fatte dai giovani stessi. Il segno più chiaro di questo è l’aumento quasi universale dell’età media del matrimonio. C’è ancora un grande divario tra la Norvegia, dove le donne si sposano a un’età media di 32 anni e il Bangladesh, dove si sposano a 19 anni. Ma c’è anche una differenza cruciale tra il matrimonio a 19 anni e quello all’età di 16 anni, che era la media in Bangladesh in 1974.

Il secondo cambiamento è l’enfasi sull’amore coniugale. Per gran parte della storia occidentale l’amore romantico, o “familiarità”, era ritenuto non solo inutile per un matrimonio forte ma è stato descritto spesso come antitetico antitetico.

Oggi l’amore è trionfante. I commercianti al National Wedding Show riferiscono invariabilmente che ogni coppia insiste sul fatto che il loro matrimonio sia romantico e speciale, proprio perché i matrimoni non sono più obbligatori, devono essere straordinari.

Il matrimonio è passato dall’essere un rito di passaggio a una celebrazione di amore e impegno – un segno che due persone che (spesso) già vivono insieme sono pronte a impegnarsi ulteriormente.

Le spose e gli sposi asiatici, per i quali la famiglia di origine rimane importante, metteno comunque al primo posto la ‘compatibilità’.

Quando l’amore è la base per il matrimonio, ne consegue che un matrimonio senza amore dovrebbe essere cancellato.

Infatti, il terzo grande cambiamento globale è la crescente accettazione del divorzio. Ora è più comune in molti paesi, specialmente quelli che si modernizzano rapidamente dove le donne diventano economicamente autosufficienti. Oggi la Cina e la Corea del Sud hanno tassi di divorzi superiori alle medie europee e dell’OCSE.

Chiese e governi hanno spesso cercato di resistere a questi cambiamenti. Di solito sono stati umiliati. In America, anche gli studi finanziati dal governo concludono che i programmi federali volti a rafforzare il matrimonio hanno scarsi effetti.
In Cile il divorzio è stato quasi impossibile fino al 2004 e non è ancora facile. Probabilmente non a caso, il Cile ha la più alta percentuale di nascite al di fuori del matrimonio tra i 35 membri dell’OCSE.
Quasi ovunque il matrimonio sta diventando meno obbligatorio, meno coercitivo e meno doveroso. Tuttavia, non ha perso nulla del suo fascino o del suo potere vincolante.
Un recente sondaggio di giovani britannici ha rilevato che il 93% aspira a sposarsi. Persino nei paesi in cui il divorzio è socialmente accettabile, la gente crede ancora che il matrimonio sia un legame speciale, da non creare o spezzare alla leggera.
Studio dopo studio testimonia che le persone sposate sono più sane, più ricche e più felici di quelle non sposate e meno inclini a separarsi dai loro partner. Gli accademici che hanno studiato gli effetti del matrimonio tendono a trovare conferme positive.
Nei paesi ricchi, l’istituzione del matrimonio conferisce sempre maggiori vantaggi alle persone che ne hanno già molte. Uomini e donne benestanti e ben istruiti si sposano tardi e dopo un’attenta considerazione. I loro matrimoni hanno un grande successo, in media, quasi certamente il più felice e il più appagante che il mondo abbia mai visto.
Tra questo gruppo privilegiato, il divorzio è sempre più raro. Le classi lavoratrici sono diventate molto meno propense verso il matrimonio rispetto alle classi medie, e quando lo fanno, sono più frequenti i divorzi e le rotture.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com