Di mamma c’è una sola. Ed è sola in Islanda

Nella lista di paesi con le madri meno sposate, l’Islanda raggiunge il posto d’onore. Con il 40% dei neonati nati fuori dal matrimonio, l’America si trova circa a metà classifica, mentre la Turchia conservatrice raggiunge solo il 3% scarso. Più di due terzi dei bambini islandesi – 67% – sono nati da genitori che non […]

Nella lista di paesi con le madri meno sposate, l’Islanda raggiunge il posto d’onore. Con il 40% dei neonati nati fuori dal matrimonio, l’America si trova circa a metà classifica, mentre la Turchia conservatrice raggiunge solo il 3% scarso. Più di due terzi dei bambini islandesi – 67% – sono nati da genitori che non […]

Nella lista di paesi con le madri meno sposate, l’Islanda raggiunge il posto d’onore. Con il 40% dei neonati nati fuori dal matrimonio, l’America si trova circa a metà classifica, mentre la Turchia conservatrice raggiunge solo il 3% scarso.

Più di due terzi dei bambini islandesi – 67% – sono nati da genitori che non sono sposati. Questa potrebbe essere una distinzione è un punto di orgoglio per gli islandesi.

L’isola è oggi la società più femminista del pianeta con circa 320.000 cittadini, l’Islanda ha meno persone di Milano, Roma, Parigi, Oklahoma, e possiede più ghiacciai, geyser e acqua pulita e fresca rispetto a paesi 10 volte più grandi per dimensioni.

“Lord of the Rings” e “Game of Thrones” hanno contribuito enormemente al nuovo sviluppo turistico della Islanda. Il Paese che ha una aspettativa di vita intorno agli 83 anni, una spesa per welfare dell’8,9% e investe circa l’8% nell’educazione, è anche quello con il più alto tasso di nascite fuori da matrimonio.

In Islanda il tema non riguarda nemmeno la ‘rottura famigliare’, nel paese infatti i sostegni finanziari, fiscali e di servizi per le mamme (incluse le single) sono molto alti ciò permette alla società più femminista del mondo e alle sue protagoniste di seguire solo i propri istinti amorosi, per di più svincolati dagli impegni matrimoniali.

Il paese garantisce alcuni dei più generosi congedi parentali nel mondo: nove mesi all’80% di retribuzione (tre mesi per la mamma, tre per il papà e altri tre da suddividere tra i due genitori).

Di conseguenza, le donne sono incoraggiate a iniziare le famiglie e considerarsi genitori senza perciò stesso valutare l’impegno del matrimonio.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com