Matrimonio gay in Germania, la Chiesa cattolica ha detto no

L’arcivescovo Heiner Koch di Berlino ha espresso il suo rammarico per il voto del parlamento tedesco a favore della legalizzazione del matrimonio dello stesso sesso, dicendo che aveva abbandonato le caratteristiche fondamentali del matrimonio, dello scorso 29 giugno. “I padri della costituzione (tedesca) hanno dato al matrimonio tale orgogliosa importanza perché volevano proteggere e rafforzare […]

Koch

L’arcivescovo Heiner Koch di Berlino ha espresso il suo rammarico per il voto del parlamento tedesco a favore della legalizzazione del matrimonio dello stesso sesso, dicendo che aveva abbandonato le caratteristiche fondamentali del matrimonio, dello scorso 29 giugno. “I padri della costituzione (tedesca) hanno dato al matrimonio tale orgogliosa importanza perché volevano proteggere e rafforzare […]

L’arcivescovo Heiner Koch di Berlino ha espresso il suo rammarico per il voto del parlamento tedesco a favore della legalizzazione del matrimonio dello stesso sesso, dicendo che aveva abbandonato le caratteristiche fondamentali del matrimonio, dello scorso 29 giugno.

“I padri della costituzione (tedesca) hanno dato al matrimonio tale orgogliosa importanza perché volevano proteggere e rafforzare coloro che, come madre e padre, vogliono dare vita ai loro figli”.

“Mi rammarico del fatto che il legislatore abbia abbandonato gli aspetti essenziali del concetto di matrimonio al fine di rendere quest’ultimo suscettibile di partenariati dello stesso sesso”, ha detto il Cardinale Koch il 30 giugno.

I legislatori del parlamento tedesco hanno votato a favore della legalizzazione del matrimonio dello stesso sesso nel paese cambiando la definizione del matrimonio nel loro codice civile per includere due persone dello stesso sesso.

Ha continuato a sottolineare che la comprensione della Chiesa del matrimonio e della sua natura sacramentale non sono cambiate con la legge e che i cattolici devono continuare a presentare pubblicamente la verità e la bontà della realtà del matrimonio come tra un uomo e una donna.

“Come la Chiesa cattolica, ci affronteremo sempre più la sfida di presentare con convinzione la vitalità della comprensione cattolica del matrimonio”, ha detto. “Al tempo stesso, ricordo che il carattere sacramentale della nostra comprensione del matrimonio non è influenzato dalla decisione di oggi nel Bundestag”.

Il voto del Bundestag era stato di 393 favorevoli e 226 contrari, il voto era stato voluto con un blitz parlamentare promosso nello stesso giorno della votazione dalla richiesta di Partito socialdemocratico di Germania, dei Verdi e della sinistra.

Ora la ‘legge’ passerà al Bundesrat per approvazione formale e successivamente alla firma del Presidente della repubblica Frank-Walter Steinmeier, che avverrà probabilmente entro la fine del 2017.
Con questo cambiamento, la Germania si unisce a più di 20 altri paesi che hanno legalizzato il matrimonio gay negli ultimi 16 anni, tra cui l’Irlanda e gli Stati Uniti nel 2015.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com