Polonia, verso una legge che protegga il concepito?

A due anni dalla vittoria elettorale, a due anni dall’inizio del Governo del PiS, partito conservatore con robuste radici cristiane, i consensi per l’operato dell’esecutivo crescono a dismisura. Nei giorni scorsi circa il 50% dei polacchi hanno dichiarato il loro consenso a confermare la coalizione alle prossime elezioni politiche, la loro soddisfazione per le misure […]

A due anni dalla vittoria elettorale, a due anni dall’inizio del Governo del PiS, partito conservatore con robuste radici cristiane, i consensi per l’operato dell’esecutivo crescono a dismisura. Nei giorni scorsi circa il 50% dei polacchi hanno dichiarato il loro consenso a confermare la coalizione alle prossime elezioni politiche, la loro soddisfazione per le misure […]

A due anni dalla vittoria elettorale, a due anni dall’inizio del Governo del PiS, partito conservatore con robuste radici cristiane, i consensi per l’operato dell’esecutivo crescono a dismisura.

Nei giorni scorsi circa il 50% dei polacchi hanno dichiarato il loro consenso a confermare la coalizione alle prossime elezioni politiche, la loro soddisfazione per le misure intraprese dall’esecutivo in questi due anni e l’apprezzamento per il sostegno economico e le politiche famigliari promosso dal Governo di Beata Szydlo.

Il secondo partito nelle preferenze dei polacchi è sempre la coalizione del governo precedente, formata da Piattaforma Civica e Popolari, ma si ferma al 20% dei consensi. Socialisti spariti.

Le polemiche che da mesi vedono impegnate le autorità polacche e la Commissione europea, in particolare il VicePresidente Timmermans, sulla riforma della giustizia, sembrano sempre più favorire il clima positivo verso il Governo conservatore.

In questo contesto, lo scorso 7 Novembre il Presidente della Repubblica Andrej Duda in una lunga intervista radiofonica ha ribadito la sua opinione favorevole a introdurre cambiamenti significativi nella attuale legislazione sull’aborto.

Per il Presidente Duda, la legge attuale “è ampiamente abusata e sono necessarie migliorie significative’.

Da molti anni i cittadini polacchi, con petizioni popolari e proposte di legge popolari che raccolgono centinaia di migliaia di firme e sostegni in ogni regione del Paese, chiedono che la legge sull’aborto venga cambiata e vengano protetti sia il concepito sia la salute della madre.

Non ci sarà da stupirsi se dopo il cambio di alcuni ministri nel Governo, previsto nelle prossime settimane, il nuovo esecutivo e la maggioranza parlamentare che lo sostiene, decidessero di concludere ed approvare la nuova legge a tutela del nascituro e della madre (anche con il consenso di ampia parte della opposizione).

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com