Rischio arresto per i pro-life nel Regno Unito

L’Assemblea di Londra ha approvato nei giorni scorsi una mozione che attacca le veglie pacifiche delle associazioni per la vita che si tengono di fronte alle cliniche per aborti. La mozione, proposta dal membro laburista Fiona Twycross, “chiede al Sindaco di chiarire i poteri a disposizione della polizia cittadina per arrestare e perseguire gli attivisti […]

L’Assemblea di Londra ha approvato nei giorni scorsi una mozione che attacca le veglie pacifiche delle associazioni per la vita che si tengono di fronte alle cliniche per aborti. La mozione, proposta dal membro laburista Fiona Twycross, “chiede al Sindaco di chiarire i poteri a disposizione della polizia cittadina per arrestare e perseguire gli attivisti […]

L’Assemblea di Londra ha approvato nei giorni scorsi una mozione che attacca le veglie pacifiche delle associazioni per la vita che si tengono di fronte alle cliniche per aborti. La mozione, proposta dal membro laburista Fiona Twycross, “chiede al Sindaco di chiarire i poteri a disposizione della polizia cittadina per arrestare e perseguire gli attivisti anti-aborto che ricorrono a ostruzioni, intimidazioni e molestie, in modo che cliniche e pazienti abbiano la sicurezza. Ciò invierebbe un chiaro messaggio che il comportamento minaccioso non sarà tollerato nelle strade di Londra “.

Prima del dibattito, la SPUC ha presentato una petizione chiedendo all’Assemblea di difendere la libertà di parola e consentire alle donne vulnerabili di continuare a ricevere il sostegno delle associazioni pro vita.

La petizione ha ricevuto 1300 firme nel giro di una settimana.
La mozione ‘bavaglio’ è stata fortemente contrastata da diversi Consiglieri municipali, incluso il membro di UKIP David Kurten. In un intervento potente, ha raccontato di aver visitato la associazione Good Counsel Network e aveva incontrato madri che erano state aiutate e i loro bambini le cui vite erano state salvate. Ha sfidato i membri: “Prima di votare per questo, ti chiederei: sei stato a incontrarli? Sei andato a parlare con una delle madri che sono state aiutate da loro? Hai incontrato i loro figli, che sono ancora vivi oggi?”.

Anche il membro conservatore Andrew Boff ha parlato, dicendo che dal concepimento, ogni persona ha diritti, e che è essenziale che le donne che contemplano l’aborto abbiano accesso a tutte le opzioni, al fine di prendere una decisione pienamente consapevole. “Sono contrario alla mozione che si riferisce a questi manifestanti come ‘anti-aborto’ – essi, direi, stanno dando alle madri più scelte, e in realtà stanno dando delle scelte a persone che devono ancora vedere la luce del giorno. Non vi è alcun discorso di odio lì, solo un discorso d’amore”, ha concluso. Nonostante le buone ragioni e l’opposizione di cittadini e consiglieri municipali, la mozione Laburista è passata con 12 voti a favore contro 4 contrari. A Londra da qualche giorno, informare le donne sulle alternative all’aborto, è pericoloso, si rischia l’arresto per…’molestie’.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com