In Russia, i pro life hanno celebrato l’olocausto dell’aborto

I pro-life russi hanno acceso 2000 candele  al Monastero Vysokopetrovsky di Mosca, in occasione di una grande celebrazione contro l’aborto, formando un grande croce in memoria delle vittime dell’aborto. Il gruppo pro-vita nazionale “For Life!” ha scelto il giorno del 11 gennaio in cui la Chiesa ortodossa commemora i “Santi Innocenti” massacrati dal re Erode […]

I pro-life russi hanno acceso 2000 candele  al Monastero Vysokopetrovsky di Mosca, in occasione di una grande celebrazione contro l’aborto, formando un grande croce in memoria delle vittime dell’aborto. Il gruppo pro-vita nazionale “For Life!” ha scelto il giorno del 11 gennaio in cui la Chiesa ortodossa commemora i “Santi Innocenti” massacrati dal re Erode […]

I pro-life russi hanno acceso 2000 candele  al Monastero Vysokopetrovsky di Mosca, in occasione di una grande celebrazione contro l’aborto, formando un grande croce in memoria delle vittime dell’aborto.

Il gruppo pro-vita nazionale “For Life!” ha scelto il giorno del 11 gennaio in cui la Chiesa ortodossa commemora i “Santi Innocenti” massacrati dal re Erode nel suo tentativo di assassinare il Messia, per celbrare il memoriale delle vittime dell’aborto in Russia.

“C’è un’ondata di eventi in difesa della vita dei bambini non nati ogni anno in Russia”, ha detto il coordinatore di For Life! Sergei Chesnokov. “È importante notare che le ONG pro-famiglia (centri di aiuto per la gravidanza ) non si limitano al lavoro educativo, ma forniscono anche un aiuto completo a migliaia di donne incinte in situazioni di crisi “.

“Sarebbe positivo per il nostro popolo ricordare che ai vecchi tempi si svolgevano i giochi della Natività in questo periodo dell’anno, in cui i bambini e i loro genitori potevano guardare le presentazioni teatrali del re Erode e dei bambini assassinati di Betlemme”, ha spiegato. “Era una misura preventiva unica contro l’infanticidio e molto efficace.”

Gli attivisti hanno acceso 2000 candele perché le statistiche ufficiali riportano che 2.000 aborti vengono commessi ogni giorno nel paese.

I comunisti hanno liberalizzato le leggi sull’aborto in tutta l’ex Unione Sovietica. L’aborto divenne così comune che servì molte donne come controllo delle nascite. Dopo la caduta del comunismo, i leader civili e la gerarchia ecclesiastica hanno dovuto rieducare la cittadinanza nel tentativo di sradicare la cultura della morte.

Per il momento, la Russia rimane tra i leader mondiali dell’aborto pro capite.

 

 

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com