Segnali di crescente religiofobia

Cresce la cristianofobia e la islamofobia, ma sono anche in crescita gli atti vandalici nei confronti di Sinagoghe e Cimiteri ebraici in tutto il mondo occidentale. Forse vale pena di chiedersi come si è costruita e se è ancora valida l’idea della società multiculturale, senza religioni di riferimento, omologatrice e fondata su ‘valori’ indefiniti e […]

Libertad-de-Religion

Cresce la cristianofobia e la islamofobia, ma sono anche in crescita gli atti vandalici nei confronti di Sinagoghe e Cimiteri ebraici in tutto il mondo occidentale. Forse vale pena di chiedersi come si è costruita e se è ancora valida l’idea della società multiculturale, senza religioni di riferimento, omologatrice e fondata su ‘valori’ indefiniti e […]

Cresce la cristianofobia e la islamofobia, ma sono anche in crescita gli atti vandalici nei confronti di Sinagoghe e Cimiteri ebraici in tutto il mondo occidentale. Forse vale pena di chiedersi come si è costruita e se è ancora valida l’idea della società multiculturale, senza religioni di riferimento, omologatrice e fondata su ‘valori’ indefiniti e senza reale fondamento.

La nostra analisi sul fallimento della ‘ideologia’ del multiculturalismo, non cambia da molto tempo, purtroppo i dati che emergono di anno in anno, ci confermano non solo questo fallimento disastroso, ma anche l’inconscienza (o incapacità) della leadership occidentale di trovare una via d’uscita e intraprendere nuove strategie di integrazione tra etnie, comunità religiose e valori costituzionali.

Solo a titolo simbolico, vale la pena rilevare ciò che è accaduto a fine giugno in Arkansas negli Stati Uniti d’America.

La polizia di Arkansas ha arrestato un uomo che si dice onorato di aver distrutto il monumento dei Dieci Comandamenti recentemente installato davanti al campidoglio della capitale dello Stato Little Rock.

Michael Tate Reed of Van Buren, è accusato di distruzione di oggetti di interesse pubblico, del delitto penale e di colpa criminale.

Reed sembra aver distrutto il monumento nella notte del 25 giugno e di aver filmato e inviato on-line il video della distruzione , usando FacebookLive.

Un uomo con lo stesso nome, della stessa città, è stato accusato di aver distrutto un altro monumento di dieci comandamenti presso l’Oklahoma Capitol tre anni fa.

Dunque Reed sarebbe un recidivo e, per ora è stato inviato all’ospedale psichiatrico. Il monumento era stato installato nei giorni precedenti alla sua distruzione, pagato interamente con fondi privati di diversi donatori.
I legislatori dell’Arkansas avevano approvato una legge per permettere l’installazione del Monumento nel 2015 e il Consiglio di Stato solo a fine maggio 2017 aveva dato il via libera alla individuazione del sito del Monumento, di fronte al Palazzo di Governo della Capitale Little Rock.

Ora, dopo la sua distruzione, si è riaperto il dibattito, si potrà ricostruire il Monumento ai Dieci Comandamenti o, invece si sceglierà di ‘non urtare le diverse sensibilità’? Si sta diffondendo una interpretazione sbagliata delle libertà religiosa: essa non significa ‘liberarsi dalla religione’.

Siamo a questo punto…non solo negli USA.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com