Come stanno davvero i bambini in affido?

I bambini trascurati che sono stati affidati alle famiglie affidatarie nella prima parte della loro vita, hanno maggiori probabilità di essere altrettanto forti e cattivi socialmente, accademicamente e fisicamente come i loro coetanei che non sono mai stati negli orfanatrofi quando raggiungono l’adolescenza, secondo la nuova ricerca della Università di Stanford incentrata sui bambini in […]

I bambini trascurati che sono stati affidati alle famiglie affidatarie nella prima parte della loro vita, hanno maggiori probabilità di essere altrettanto forti e cattivi socialmente, accademicamente e fisicamente come i loro coetanei che non sono mai stati negli orfanatrofi quando raggiungono l’adolescenza, secondo la nuova ricerca della Università di Stanford incentrata sui bambini in […]

I bambini trascurati che sono stati affidati alle famiglie affidatarie nella prima parte della loro vita, hanno maggiori probabilità di essere altrettanto forti e cattivi socialmente, accademicamente e fisicamente come i loro coetanei che non sono mai stati negli orfanatrofi quando raggiungono l’adolescenza, secondo la nuova ricerca della Università di Stanford incentrata sui bambini in Romania.

La ricerca di Stanford indica che i bambini orfani o trascurati che sono posti in affido in età precoce sviluppano capacità e forza a livelli simili a quelli che non sono mai stati affidati a strutture istituzionali.

I ricercatori hanno scoperto che il 56% dei bambini precedentemente istituzionalizzati che sono stati assegnati casualmente alle famiglie affidatarie quando avevano tra 6 mesi e 2 anni e mezzo erano competenti in una gamma di parametri come i loro coetanei a 12 anni. Questo è più del doppio della percentuale di quei bambini che sono rimasti alle cure istituzionali, di cui solo il 23% era ritenuto competente a 12 anni, secondo lo studio, pubblicato il 1 febbraio sul Journal of Child Psychology and Psychiatry.

Il numero di bambini che hanno raggiunto la soglia dei ricercatori per i risultati di competenza è stato ancora maggiore tra i bambini collocati nelle cure familiari in giovane età. Di quei bambini di 20 mesi e più giovani al momento del collocamento, il 79% era ritenuto competente. Questo è quasi lo stesso tasso di quelli che non sono mai stati istituzionalizzati.

“Questo studio dimostra che i risultati resilienti possono essere promossi mettendo i bambini in affidamento più presto possibile nella vita”, ha detto Kathryn Humphreys, uno studioso di postdottorato in psicologia di Stanford e autore principale dello studio. “Questi bambini non sono condannati, e molti di loro finiscono con risultati normali. Quindi è importante per noi lavorare per rimuoverli da quegli ambienti che li trascurano il prima possibile. ”

Circa 8 milioni di bambini orfani in tutto il mondo risiedono in strutture istituzionali, come orfanotrofi, e questa nuova ricerca può aiutare a informare il dibattito sul modo migliore per prendersi cura di loro, ha detto Humphreys.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com