Come stanno i figli dei genitori divorziati? Male, dice uno studio norvegese

I figli di genitori divorziati che vivono con una matrigna o un padrigno possono affrontare maggiori problemi di salute mentale. Un nuovo studio norvegese mostra che questi adolescenti sono più preoccupati di quelli che dividono il loro tempo tra entrambi i genitori. Segnalano più sintomi di problemi di salute mentale, come la depressione e la […]

I figli di genitori divorziati che vivono con una matrigna o un padrigno possono affrontare maggiori problemi di salute mentale. Un nuovo studio norvegese mostra che questi adolescenti sono più preoccupati di quelli che dividono il loro tempo tra entrambi i genitori. Segnalano più sintomi di problemi di salute mentale, come la depressione e la […]

I figli di genitori divorziati che vivono con una matrigna o un padrigno possono affrontare maggiori problemi di salute mentale.
Un nuovo studio norvegese mostra che questi adolescenti sono più preoccupati di quelli che dividono il loro tempo tra entrambi i genitori.

Segnalano più sintomi di problemi di salute mentale, come la depressione e la disonestà, o di essere vittima di bullismo a scuola.

Tuttavia, i bambini affrontano anche lo stress di una “nuova struttura familiare”, secondo i ricercatori norvegesi.

Hanno confrontato più di 7.700 adolescenti, che vivevano con genitori single, patrigni o matrigne, con genitori in custodia congiunta o con entrambi i genitori in una famiglia tradizionale.
I risultati mostrano che i bambini che vivono con un patrigno hanno la peggiore salute mentale, anche se la differenza tra questo e il fatto di vivere con un genitore single non è significativa.

I bambini in una famiglia con un patrigno o matrigna hanno molti più problemi di adattamento rispetto a quelli delle famiglie nucleari e quelli che trascorrono del tempo a vivere con entrambi i genitori.
Gli autori, guidati da Sondre Nilsen, del Centro regionale per la salute mentale dei bambini e dei giovani (RKBU) a Bergen, in Norvegia, hanno valutato le ricerche precedenti, secondo cui i bambini nelle famiglie ricostituite peggiorano a scuola, hanno maggiori problemi emotivi e sono a maggior rischio di depressione.
Scrivendo sul ‘Journal of divorcement and remarriage’, hanno detto: “Un’interpretazione di questi risultati è che i possibili benefici dell’introduzione di un genitore esterno nella famiglia (ad es. Maggiori risorse economiche e genitoriali) potrebbero essere neutralizzati dallo stress legato alla creazione di una nuova struttura familiare.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com