Quando il transgenderismo diventa obbligatorio…

L’Inghilterra non smetterà mai di stupirci, purtroppo in questi ultimi anni per sue tragiche stravaganze e la su inconsapevolezza di esse. Allo fine dello scorso mese di giugno, una scuola primaria ebraica ortodossa è stata duramente sanzionata perché l’ispettorato scolastico nazionale ha scoperto che non si insegnavano ai bimbi di tre anni i principi fondamentali […]

L’Inghilterra non smetterà mai di stupirci, purtroppo in questi ultimi anni per sue tragiche stravaganze e la su inconsapevolezza di esse. Allo fine dello scorso mese di giugno, una scuola primaria ebraica ortodossa è stata duramente sanzionata perché l’ispettorato scolastico nazionale ha scoperto che non si insegnavano ai bimbi di tre anni i principi fondamentali […]

L’Inghilterra non smetterà mai di stupirci, purtroppo in questi ultimi anni per sue tragiche stravaganze e la su inconsapevolezza di esse.

Allo fine dello scorso mese di giugno, una scuola primaria ebraica ortodossa è stata duramente sanzionata perché l’ispettorato scolastico nazionale ha scoperto che non si insegnavano ai bimbi di tre anni i principi fondamentali sulla “riassegnazione di genere” e “l’orientamento sessuale”.

La Scuola per ragazze Vishnitz di Londra insegna a 212 ragazze giovani dai tre agli undici anni. Una visita ispettiva iniziata lo scorso 10 maggio e conclusasi dopo un mese, ha determinato che gli insegnamenti forniti dalla Scuola non sono conformi alla legislazione del 2010 per “uguaglianza”.

È dannoso per lo sviluppo “spirituale, morale, sociale e culturale” dei bambini non spiegare loro la “riassegnazione di genere” e l’”orientamento sessuale”, si afferma nella relazione. “L’approccio della scuola impedisce ai bambini di conoscere determinate differenze tra le persone e l’orientamento sessuale”.

La mission della scuola Vishnitz Girls, secondo la relazione, è “offrire un’istruzione di alto livello fondata saldamente sui principi della Torah e combinata con un forte curriculum di scolatico per consentire a tutti gli alunni di diventare cittadini produttivi e sostenibili”.

“Questo è un esempio molto duro di come lo Stato impone un’ideologia LGBT che è totalmente in contrasto con l’ethos religioso della scuola”, ha dichiarato Andrea Williams, amministratore delegato di Christian Concern.

“Questa è una scuola ebraica privata, per le ragazze giovani, ma è stato detto che deve rafforzare una visione del mondo opposta e radicalmente contraria al proprio ethos. Gli Ispettori statali sembrano aver poco tempo per la libertà religiosa o parentale “.

La Scuola Vishnitz dovrà chiudere se non cambierà i propri insegnamenti, hanno riferito i media britannici e la Gay Star News.

La scuola ha deciso di opporsi all’invito (minaccia) dell’Ispettorato scolastico, si oppongono la libertà di insegnamento, i diritti dei genitori, la libertà religiosa alla prepotenza ideologica e burocratica. Vi terremo aggiornati.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com