UNICEF, la priorità mondiale è investire sui genitori

Solo 15 paesi in tutto il mondo dispongono e attuano le tre politiche nazionali fondamentali che contribuiscono a garantire il tempo e le risorse di cui i genitori hanno bisogno per sostenere lo sviluppo sano dei loro piccoli, ha dichiarato lo scorso 21 settembre l’UNICEF in un nuovo Rapporto. Peggio ancora, in 32 paesi nessuna […]

Solo 15 paesi in tutto il mondo dispongono e attuano le tre politiche nazionali fondamentali che contribuiscono a garantire il tempo e le risorse di cui i genitori hanno bisogno per sostenere lo sviluppo sano dei loro piccoli, ha dichiarato lo scorso 21 settembre l’UNICEF in un nuovo Rapporto. Peggio ancora, in 32 paesi nessuna […]

Solo 15 paesi in tutto il mondo dispongono e attuano le tre politiche nazionali fondamentali che contribuiscono a garantire il tempo e le risorse di cui i genitori hanno bisogno per sostenere lo sviluppo sano dei loro piccoli, ha dichiarato lo scorso 21 settembre l’UNICEF in un nuovo Rapporto.

Peggio ancora, in 32 paesi nessuna delle politiche suggerite dall’UNICEF è stata implementata.

Secondo quanto riportato dalla Relazione, dai primi momenti per ogni bambino e sino ai primi due anni, dovrebbero essere gratuite forme di educazione e cura, così come l’allattamento materno per i primi sei mesi di vita, almeno sei mesi di congedi pagati di maternità e altre 4 settimane di congedo di paternità. Queste sono le misure minime per definire una politica pubblica di aiuto alle famiglie e i genitori possano proteggere meglio i propri figli e forniscano loro le migliori esperienze nutrizionali, di gioco e di apprendimento precoce sin nei primi anni di vita, così cruciali quando il cervello cresce ad un ritmo unico e irripetibile.

La relazione rileva che Cuba, Francia, Portogallo, Russia e Svezia sono tra i paesi che garantiscono tutte e tre le politiche. Tuttavia, 85 milioni di bambini sotto i cinque anni crescono in 32 paesi senza una delle tre critiche in vigore. Sorprendentemente, il 40 per cento di questi bambini vive in due paesi soli paesi, il Bangladesh e Stati Uniti.

“Qual è la cosa più importante che i bambini hanno? È il loro cervello. Ma non ci stiamo prendendo cura dei cervelli dei bambini nello stesso modo in cui ci occupiamo dei loro corpi, specialmente nella prima infanzia, quando la scienza dimostra che i cervelli dei bambini vivono uno sviluppo fondamentale e impressionante che ne condizionerà il futuro”, ha dichiarato il direttore esecutivo dell’UNICEF Anthony Lake. La relazione sottolinea inoltre che milioni di bambini sotto i cinque anni trascorrono i loro anni formativi in ambienti non sicuri e non stimolanti.

• Circa 75 milioni di bambini sotto i cinque anni vivono in aree colpite da conflitti, aumentando il rischio di stress che possono inibire i collegamenti delle cellule cerebrali nella prima infanzia;

• In tutto il mondo, la scarsa nutrizione, gli ambienti malsani e la malattia lasciano 155 milioni di bambini sotto i 5 anni, in condizioni che esauriscono i loro corpi e impediscono ai loro cervelli da svilupparsi al loro pieno potenziale;

• Un quarto di tutti i bambini di età compresa tra i 2 ei 4 anni in 64 paesi non partecipa alle attività essenziali per lo sviluppo del cervello, come il gioco, la lettura e il canto;

• Circa 300 milioni di bambini vivono a livello mondiale in aree in cui l’aria è tossica, il che può danneggiare i cervelli in via di sviluppo dei bambini.

La mancata tutela e la fornitura di servizi ai genitori di bambini e ai bambini stessi pregiudica la potenziale crescita di società e economie intere. Infatti un recente Studio ha rivelato che i bambini provenienti famiglie che sperimentano il gioco e l’apprendimento precoce in giovane età hanno guadagnato una media 25 per cento più da adulti di coloro che non lo hanno fatto.

“Se non investiamo ora nei bambini e nelle famiglie più vulnerabili, continueremo a perpetuare cicli intergenerazionali di svantaggio e di disuguaglianza, stiamo aumentando il divario tra i poveri e gli avari e minando la nostra forza e stabilità a lungo termine “, ha detto il direttore dell’UNICEF.

In media, i governi in tutto il mondo spendono meno del 2 per cento dei loro budget per l’infanzia. Eppure, la relazione sottolinea che gli investimenti ne i primi anni di infanzia dei bambini, offrono significativi vantaggi economici in futuro. Ogni US $ 1 investito in programmi che sostengono l’allattamento genera US $ 35 in cambio; e ogni US $ 1 investito nella cura e nell’educazione infantili per i bambini più svantaggiati può produrre un rendimento di US $ 17.

La relazione chiede che i governi e il settore privato sostengano le politiche nazionali fondamentali per sostenere lo sviluppo della prima infanzia, tra cui quella di rendere politiche favorevoli alle famiglie, tra cui due anni di istruzione scolastica gratuita, congedo parentale pagati e le pause dal lavoro per i pasti dei bambini, dare ai genitori lavoratori il tempo e le risorse necessarie per sostenere lo sviluppo del cervello dei loro piccoli.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com